Il 19 novembre 2020 padre Ferraro (direttore SIHMA), e padre Beltrami (direttore UCoS) sono stati ospiti della video rubrica promossa dalla rivista “Terra e Missione” per parlare della missione, dei centri e delle iniziative in Sudafrica

A “Fino ai confini della Terra” il racconto dei progetti scalabriniani a Cape TownIl 19 novembre 2020 padre Filippo Ferraro, missionario scalabriniano a Cape Town e direttore dello Scalabrini Institute for Human Mobility in Africa – SIHMA, è stato ospite della seconda puntata di Fino ai confini della Terra, la rubrica promossa dalla rivista digitale Terra e Missione e dal progetto Tucum che permette di fare un viaggio virtuale nelle periferie del mondo alla scoperta dei carismi e dei progetti dei diversi istituti missionari.

A Cape Town un polo integrato scalabriniano

Ospite insieme a padre Ferraro per parlare di Sudafrica, anche padre Gabriele Beltrami, direttore dell’Ufficio Comunicazione Scalabriniani (UCoS): «Come scalabriniani nasciamo per gli italiani all’estero; negli anni Sessanta del Novecento il capitolo generale, per riattualizzare la proposta missionaria, ha spinto all’apertura di tutte le migrazioni nel mondo per accogliere anche altre sfide che erano di per sé già nel progetto originario del beato Scalabrini, come l’aiuto ai marittimi e lo studio delle migrazioni, di cui padre Ferraro è un’esponente».

Nell’incontro moderato da Patrizia Morgante e Anna Moccia (direttrice di Terra e Missione), e al quale ha partecipato anche Giandonato Salvia (imprenditore e missionario), i due scalabrinani hanno raccontato le iniziative, le attività e le possibilità di volontariato in Sudafrica nella missione di Cape Town, polo integrato che concentra tutti i servizi per i migranti offerti dalla congregazione: dalla cura pastorale spirituale nel District Six, a Woodstock, a Elsie’s River e a Bergvliet, all’impegno con ben undici comunità linguistiche nell’arcidiocesi della città; dall’assistenza ai marittimi nel centro Stella Maris alle ricerche condotte dal SIHMA, passando per l’accoglienza dei minori della Lawrence House.

Dobbiamo lavorare per la nostra estinzione

«Il nostro lavoro è quello di riflettere sul fenomeno delle migrazioni per trovare risposte – ha dichiarato padre Ferraro, che nel suo intervento ha raccontato il fenomeno migratorio e delineato la figura del migrante in Sudafrica – Pensiamo alla nostra esperienza come a un dono per la Chiesa. Il mio pallino è quello di lavorare qui in Africa non solo con i religiosi e i consacrati ma anche con tutti i laici che ci sono sul luogo perché possano essi stessi impegnarsi al fianco dei migranti – un nostro caro superiore diceva che noi dobbiamo “lavorare per la nostra estinzione”: dobbiamo arrivare e lavorare in modo da poter poi andare via, vivendo noi stessi da migranti».

Lo scalabriniano ha inoltre insistito sull’importanza della collaborazione tra enti, dell’integrazione tra i migranti e la comunità locale e in particolare, per il Sudafrica, sul ruolo fondamentale della riconciliazione: «Le fatiche legate dal punto di vista sociale ed economico al discorso migranti, bollato spesso come “il problema”, ci riporta in verità alle nostre ferite, e al bisogno di prendere in mano le lacune su cui lavorare e che la migrazione, come una lente, mette a nudo».

Come sostenere la missione scalabriniana di Cape Town

La congregazione scalabriniana, che ha già da tempo avviato una collaborazione con la rivista Terra e Missione (grazie ai contributi, tra gli altri, di padre Gaetano Saracino) sarà presente anche nell’ultimo episodio, che avrà per ospiti le suore scalabriniane della comunità di Tijuana, in Messico, alla frontiera con gli USA.

Per sostenere i progetti delle congregazioni, a partire dal collegamento e per tutta la settimana successiva, è possibile fare un’offerta tramite l’app dedicata. Per aiutare i missionari Scalabriniani in Sudafrica basta scaricare l’app, cliccare su Sostieni un ente accreditato e selezionare Missionari Scalabriniani – ASCS.

 

Guarda la puntata di Terra e Missione con i missionari scalabriniani

La pagina Facebook di Terra e Missione

f f
Utilizziamo i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Per continua ad utilizzare il nostro sito web acconsenti ai nostri Cookie.