L’elezione della nuova direzione regionale, gli incontri di approfondimento e formazione sul fenomeno migratorio, il progetto di esperienza immersiva “Ponte di Dialoghi” e l’inaugurazione del MES. In attesa di raccontarvi il 2020, vediamo nel dettaglio quali eventi hanno scandito l’anno ormai alla fine

La nuova direzione regionale

Un evento cardine per i missionari scalabriniani di Europa e Africa è stato senz’altro la nomina della nuova Direzione regionale, avvenuta nel mese di febbraio 2019. Accanto a padre Mauro Lazzarato, che a gennaio ha ricevuto da padre Leonir Chiarello l’incarico di superiore della regione scalabrinana Beato Giovanni Battista Scalabrini, sono stati eletti come consiglieri i padri Francesco Buttazzo, Sante Zanetti, Michele De Salvia, Rui Pedro Manuel Da Silva, Antonio Grasso e fratel Gioacchino Campese.

La direzione regionale dei missionari scalabriniani di Europa e Africa, in carica fino al 2022La Direzione regionale è entrata ufficialmente in carica il 1 marzo 2019 e il suo mandato avrà la durata di tre anni. Oltre all’Italia la Regione Beato Giovanni Battista Scalabrini comprende Francia, Germania, Inghilterra, Lussemburgo, Mozambico, Portogallo, Sudafrica e Svizzera.

Dialoghi e Letture

L’Ufficio Comunicazione Scalabriniani (UCoS) guidato da padre Gabriele Beltrami è promotore di varie iniziative, come quelle in collaborazione con la Fondazione Centro Studi Emigrazione di Roma (CSER). Una di queste è Dialoghi e Letture, i cui appuntamenti offrono l’occasione di ascoltare e interrogare esperti, ricercatori, scrittori e altre figure che con il proprio lavoro possono far luce su un fenomeno, quello migratorio, che ha più che mai bisogno di essere compreso e valorizzato.

A Dialoghi e Letture è stato presentato "Le legge del mare", il libro di Annalisa CamilliQuest’anno la sede scalabriniana di Via Dandolo 58, a Roma, ha ospitato la presentazione del libro della giornalista Annalisa Camilli dal titolo La legge del mare. Cronache dei soccorsi nel Mediterraneo. L’evento si è svolto il 25 giugno 2019, a pochi giorni di distanza dalla Giornata mondiale del rifugiato (che si celebra in tutto il mondo il 20 giugno).

Comunicare l’immigrazione

Un’altra apprezzata iniziativa promossa dall’Ufficio Comunicazione Scalabriniani (UCoS) in collaborazione con la Fondazione Centro Studi Emigrazione di Roma (CSER) è Comunicare l’immigrazione, la giornata di formazione sul fenomeno migratorio rivolta specificamente ai giornalisti e riconosciuta dall’Ordine dei Giornalisti.

Il percorso, iniziato a Roma nel novembre 2015, ha in questi anni affrontato vari temi (dalla deontologia alle buone pratiche, dagli strumenti per la narrazione del fenomeno ai fondamenti giuridici) e toccato varie città (MilanoPadovaTrevisoVerona), con uno sguardo sempre attento alle categorie migratorie più vulnerabili (tra le quali i minori migranti non accompagnati e i minori rom).

L'incontro di "Comunicare l'immigrazione" coincidente con la terza delle Giornate SIMI 2019, avente per tema la percezione dell'insicurezza che ostacola la solidarietàQuest’anno si è parlato del rapporto tra cambiamenti climatici e migrazioni e del sentimento di insicurezza che ostacola la solidarietà verso i migranti nei paesi di accoglienza. Quest’ultimo tema è stato affrontato in un incontro che ha coinciso con Governati o governare la paura?la terza e ultima delle Giornate SIMI 2019, cioè la serie di conferenze promossa dallo Scalabrini International Migration Institute per approfondire sotto vari aspetti il fenomeno migratorio.

Ponte di Dialoghi

Ponte di Dialoghi. Il cammino della speranza (Bridges Beyond Borders) è un’esperienza immersiva che, grazie a video a 360 gradi e all’utilizzo combinato di visori e app, permette di calarsi nei panni di un migrante volontario o forzato.

La presentazione del progetto "Ponte di Dialoghi" al VRExperience 2019 di RomaL’iniziativa, promossa da Fondazione Centro Studi Emigrazione di Roma (CSER)Société de la ChapelleAgenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS) e ScalaMusic, è stata presentata il 7 novembre 2019 a Roma all’interno della prima edizione di Virtual Reality Experience (VRE), un evento internazionale interamente dedicato a Virtual Reality, Augmented Reality e Cross Reality. Una nuova presentazione è prevista per il 14 gennaio 2020 a Roma, in via Dandolo 58.

Inaugurazione del MES a Piacenza

Sabato 30 novembre 2019 è stato inaugurato a Piacenza il nuovo Museo Emigrazione Scalabrini (MES), un percorso multimediale composto da quattro sale che documentano in vario modo la storia dell’emigrazione italiana dal 1876 ad oggi, in particolare quella piacentina ed emiliano-romagnola.

La conferenza stampa di presentazione del Museo Emigrazione Scalabrini (MES) a Piacenza«Si tratta di un’opportunità, per i visitatori, soprattutto giovani studenti, di rileggere il grande viaggio emigratorio italiano che in oltre 150 anni ha portato quasi 30 milioni di connazionali sulle strade del mondo» ha detto nel suo intervento padre Lorenzo Prencipe, presidente dellaFondazione Centro Studi Emigrazione di Roma (CSER).

Il MES, che si trova nella Casa Madre dei missionari scalabriniani in via Francesco Torta 14, resterà aperto solo il sabato e le domenica, dalle 15,00 alle 18,00. A partire dalla metà di marzo 2020 sarà invece possibile visitarlo anche negli altri giorni ma solo su prenotazione.

Pubblicazioni scalabriniane

Raccontare migrazioni con la guida SCCT

Il modo in cui la migrazione e la xenofobia sono trattate dai media ha un impatto diretto sulla percezione e sul sentimento dei cittadini nei confronti di migranti e rifugiati. Alle iniziative di sensibilizzazione e formazione si è aggiunta quest’anno la Journalist’s Guide to Reporting on Migration in South Africa. Si tratta della guida per giornalisti pubblicata dallo Scalabrini Centre of Cape Town (SCCT) ed è stata presentata il 10 aprile 2019 in un evento dal titolo Migration, Xenophobia and the 2019 elections.

La raccolta di Ray Goodman

Ray Goodman è il protagonista di un fumetto pubblicato a puntate sul periodico scalabriniano l’Emigrato a partire da settembre 2017. Ideato e realizzato da Andrea Giovalè e Riccardo Colosimo, entrambi docenti alla Scuola Romana dei Fumetti, Ray è un viaggiatore suo malgrado, personaggio a metà strada tra l’indagatore dell’incubo Dylan Dog e il rapper congolese Maitre Gims. Nell’ottobre 2019 Le avventure di Ray Goodman, che raccontano le sfide dell’integrazione e i benefici dell’accoglienza, sono state raccolte in un unico testo, liberamente sfogliabile online.

Il libro di padre Antonio Grasso

Eletto quest’anno consigliere della Regione scalabriniana Beato Giovanni Battista Scalabrini, padre Antonio Grasso e da anni impegnato al servizio dei migranti nelle missioni cattoliche di lingua italiana in Svizzera. Dalla sua esperienza è nato Comunità di linguaggio alla frontiera, un libro che affronta il tema del linguaggio come locus theologicus e criterio di appartenenza ad una comunità analizzando il caso della parrocchia personale San Pio X di Basilea. Buona lettura e buon Natale!

 

f f
Utilizziamo i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Per continua ad utilizzare il nostro sito web acconsenti ai nostri Cookie.