• .

sharejourney fasasiIl 27 settembre 2017 lo scultore nigeriano Fasasi, ospite di Casa Scalabrini 634, ha consegnato a papa Francesco una propria opera al termine della consueta udienza del mercoledì in piazza San Pietro.

L’artista rifugiato, di cui il 30 settembre sarà presentata una mostra nella sede scalabriniana di via Dandolo 58 a Roma (dal titolo L’approdo: dopo tanti pericoli l'arrivo in un porto sicuro), ha significativamente incontrato il pontefice in un giorno particolare, quello del lancio di Share the Journey, la campagna di Caritas Internationalis per promuovere l’accoglienza e la cultura dell’incontro.

Nel suo discorso papa Francesco ha parlato della speranza, che tiene in piedi la vita, la custodisce e protegge. E l’ha definita, in riferimento ai migranti, come una spinta nel cuore di chi parte lasciando la casa, la terra e i parenti per cercare una vita migliore. «La speranza – ha detto il pontefice – non è una virtù per gente con lo stomaco pieno», per chi, magari molto presto, ha bruciato le tappe, ha già avuto tutto e per questo non desidera più nulla (i giovani d’autunno). I poveri sono i veri protagonisti della storia e, ha concluso, non dobbiamo avere «paura di condividere il viaggio della vita!».

Album Facebook

 

f f