• .

progetto mozambico 3
 
In Mozambico, accanto all'unica struttura per rifugiati di tutto il paese, i missionari scalabriniani curano la pastorale e gestiscono un Centro per i bambini malnutriti
  • Luogo: Nampula, Mozambico
  • Settore di intervento: Sviluppo
  • Tipo di progetto: Proprio

Gli scalabriniani sono presenti in Mozambico dal 2005, anno della loro prima visita al campo di Maratane (unica struttura del paese per la prima accoglienza dei richiedenti asilo). Nel 2010 hanno assunto una parrocchia e iniziato la costruzione di un Centro. Oggi la chiesa di San Francesco Saverio, nella periferia sud di Nampula, comprende sette comunità nella quali i missionari svolgono attività pastorale e sociale.

Obiettivi

Incoraggiare la formazione di piccole comunità ministeriali in cui ciascuno esercita un ministero o si occupa di un compito: catechesi per giovani e famiglie, liturgia e vocazioni, formazione su migrazione ed ecumenismo ecc.

Soggetti

Gli scalabriniani sono presenti come missionari e come laici, grazie all'apporto dell'ASCS.

Attività

Oltre a offrire la disponibilità del Centro per quanto concerne l'ambito religioso, si è organizzata la formazione di operatori di base nel settore delle migrazioni, cercando di coinvolgere le parrocchie in un programma di accoglienza verso i migranti.

Gestione del Centro di nutrizione per i bimbi malnutriti da 0 a 5 anni. I bambini vengono accolti grazie a un accordo con il Centro di Salute di Maratane e inseriti in un programma che garantisce il raggiungimento del peso minimo rispetto all’età.

In queste comunità la presenza socio-pastorale si esprime poi a diversi livelli. Gli scalabriniani gestiscono infatti anche un asilo (bambini da 3 a 5 anni), una scuola primaria e un progetto ludico (adolescenti e giovani); offrono assistenza giuridica ai rifugiati e corsi di informatica; hanno curato la costruzione di tre pozzi d’acqua a Maratane, a Mueda, a Gimo per lo sviluppo delle attività agricole.

 

 

made with love from Joomla.it
f f