Il report del centro Stella Maris nella città sudafricana, diretto dallo scalabriniano padre Rico Talisic Almedilla

Aiutare i marittimi a Cape TownSono molti i modi in cui i missionari scalabriniani sono presenti a Cape Town, in Sudafrica. In questi mesi abbiamo parlato molto dello Scalabrini Institute for Human Mobility in Africa (SIHMA), uno dei sette Scalabrini Migration Study Centers (SMSC) presenti nel mondo. Padre Filippo Ferrero, direttore SIHMA è infatti più volte intervenuto a conferenze e incontri per raccontare iniziative e attività di volontariato in nella missione sudafricana, polo integrato che concentra tutti i servizi per i migranti offerti dalla congregazione (ad esempio il 15 gennaio 2021, quando è stato ospite del programma L’Italia con Voi, trasmissione di Rai Italia interamente dedicato agli italiani nel mondo).

Ma a Cape Town è presente anche lo Stella Maris, uno dei centri dell’omonima rete cattolica internazionale di supporto e assistenza spirituale ai lavoratori del mare (prima nota come Apostolato del Mare, Apostleship of the Sea o AOS). L’organizzazione (che il 4 ottobre 2020 ha compiuto un secolo) è presente nelle piccole e grandi città portuali di cinquantanove paesi nel mondo come importante punto di riferimento per i marittimi che, dopo lunghi periodi in mare con ritmi di lavoro estenuanti, possono trovare qui accoglienza e riposo grazie alla sollecitudine dei cappellani.

Visitare e benedire a bordo

Tra di loro c’è padre Rico Talisic Almedilla, missionario della comunità scalabriniana di Cape Town e vicario di St. Agnes Parish (che accoglie le comunità inglese, francese e portoghese). Nel report di dicembre 2020 dello Stella Maris di Cape Town, da lui curato, padre Talisic racconta che «nonostante le numerose restrizioni dovute al covid-19 è stato possibile visitare e benedire i marittimi e i pescatori a bordo, soprattutto prima della partenza» (quando ai marittimi viene impedito di scendere a terra, possono essere raggiunti sulla nave dai cappellani), e «anche stampare e distribuire loro calendari 2021 e cartoline di Natale».

Nel corso dell’ultimo mese dell’anno che si è appena chiuso lo staff dello Stella Maris di Cape Town ha portato aiuto e conforto a oltre cinquecento tra marittimi e pescatori, distribuendo vestiti,e cibo, multivitaminici e altri articoli. «Non ci pentiamo di nulla perché abbiamo fatto del nostro meglio anche in circostanze difficili». Per aggiornamenti, è possibile seguire il profilo Facebook Stella Maris Cape Town.

Stella Maris di Cape Town, il report di dicembre 2020

 

f f
Utilizziamo i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Per continua ad utilizzare il nostro sito web acconsenti ai nostri Cookie.