È il tempo di Quaresima, il cammino di avvicinamento alla Pasqua. Ecco il messaggio di padre Lazzarato, superiore regionale degli scalabriniani di Europa e Africa con gli scalabriniani

“Il tempo per le domande giuste”Quest’anno la Pasqua sarà celebrata domenica 4 aprile. Per la seconda volta ci apprestiamo a percorrere il cammino di Quaresima in tempo di pandemia. «Nell’attuale contesto di preoccupazione in cui viviamo e in cui tutto sembra fragile e incerto, parlare di speranza potrebbe sembrare una provocazione» ha scritto papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2021ma «il tempo di Quaresima è fatto per sperare (…) Quaresima di carità vuol dire prendersi cura di chi si trova in condizioni di sofferenza, abbandono o angoscia a causa della pandemia di covid-19».

A causa dell'emergenza sanitaria provocata dalla pandemia da coronavirus i bisogni di tante persone e famiglie sono cambiati, a volte drasticamente, e sono sorte nuove forme di povertà. I missionari scalabriniani tramite l’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS) hanno dato a queste persone in difficoltà in Italia e nel mondo una risposta concreta, avviando nel mese di marzo 2020 la campagna #UnaSolaCasa. Ma tanto resta ancora da fare e in questi giorni il pensiero va anche a quanto sta accadendo sulla rotta balcanica, come ricorda nel suo messaggio per la Quaresima padre Mauro Lazzarato, superiore regionale dei missionari scalabriniani di Europa e Africa. Eccone alcuni estratti.

Un momento di verità per noi e gli altri

«Cari fratelli, (…) La consapevolezza delle nostre fragilità è parte importante di ogni cammino di conversione. Questo Tempo può essere un momento di verità se troviamo il coraggio di guardare in faccia i nostri limiti e chiamiamo per nome la nostra personale povertà. Senza la consapevolezza del bisogno di essere salvati, nessuno si disporrebbe ad accogliere una salvezza. (…) Questo è il Tempo in cui possiamo salvare le domande giuste ed eliminare le risposte sbagliate. Potrà sorprenderci scoprire come la verità sia un orizzonte che racchiude noi e anche gli altri, che non si esaurisce là dove si spinge solo il nostro sguardo ma che ci abbraccia, come abbraccia l’orizzonte in cui siamo tutti: l’umanità. (…)

Nel tempo che sta iniziando, il deserto non è tanto un punto geografico o un luogo attorno a noi ma una dimensione essenziale della vita: dentro di noi! Si tratta di un luogo dove il silenzio non è già pronto, ma dove è necessario, prima, spegnere i rumori. (…) È vero, ognuno ha il suo personale deserto da attraversare, il suo percorso di riconciliazione da fare ma è altrettanto vero che quel deserto non lo attraversiamo da soli ma con le persone che abbiamo accanto. (…) L’incontro con Dio, con noi stessi, con i migranti e i confratelli non sono momenti separati fra loro né disincarnati da un reale che è la missione a cui siamo chiamati e inviati».

Un digiuno dai pregiudizi

«Il mistero dell’incarnazione rivela che se Dio ha potuto incontrarci nell’umanità del Suo Figlio fatto uomo, anche noi possiamo incontrarlo solo attraverso l’umanità condivisa con gli altri. In questi giorni non può non coinvolgerci quanto sta accadendo sulla rotta balcanica. Approfondiamo cosa accade, prendiamone coscienza e coinvolgiamoci! (…)

«In questo tempo non possiamo non considerare la generale fragilità derivante dalla pandemia che ci vede tutti a rischio e bisognosi di sostegno. Doniamoci momenti di incontro sinceri, caritatevoli, trasparenti! (…) Digiuniamo dai pregiudizi, dal dito puntato, dalle parole distruttive, dal lamento su tutto e tutti, cose che aumentano le distanze, e ritroviamo il coraggio della chiarezza, della comprensione, dell’apertura, della premura, dell’accoglienza. Costruiamo comunione, seminiamo pace! Buon cammino di Quaresima!».

 

f f
Utilizziamo i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Per continua ad utilizzare il nostro sito web acconsenti ai nostri Cookie.