Le persone che nel 2015 sono giunte in Europa come profughe hanno raggiunto al 21 dicembre la quota di 1.005.000. Giunte prevalentemente in Grecia, Bulgaria, Italia, Spagna, Malta e Cipro, contano tra le loro fila un numero elevato di minori e, tra di essi, di morti che rischiano di restare solo cifre su tabelle. Al porto di Reggio Calabria, dove operano i missionari scalabriniani in un instancabile gruppo di coordinamento ecclesiale, sono circa 37.000 da giugno dell’anno scorso ad oggi e di questi il 10% sono minori non accompagnati, in maggioranza bambine. I minori provengono principalmente da Eritrea, Somalia, Gambia, Egitto e Nigeria.

Leggi il comunicato

f f
Utilizziamo i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Per continua ad utilizzare il nostro sito web acconsenti ai nostri Cookie.