• .

La missione degli scalabriniani in Africa ed Europa oggi

La presenza

La Congregazione dei missionari scalabriniani è nata a Piacenza nel 1887 per assistere gli emigranti italiani che partivano in massa per le Americhe. Nei decenni la missione si è estesa ad altri continenti, nazionalità e soggetti della mobilità umana. Da oltre 50 anni la congregazione è internazionale sia nei suoi destinatari sia nei suoi componenti. Oggi i missionari sono circa 700, di circa 40 nazionalità diverse e operano in 33 paesi.

In Europa e in Africa, unite in un’unica Regione scalabriniana, si contano oggi 200 missionari presenti in 29 città di 10 nazioni, tutti impegnati in una variegata gamma di servizi sociali e religiosi offerti a migranti, rifugiati, richiedenti asilo e marinai di diverse nazionalità e confessioni religiose. L’azione di missionari, religiosi e sacerdoti è coadiuvata da circa 600 operatori laici che, a tempo pieno o a tempo parziale, partecipano alle varie attività di assistenza.

La missione

Per comprendere meglio i fenomeni della mobilità umana, i missionari scalabriniani dispongono di 3 centri studio sulle migrazioni:

Tali centri curano in particolare:

  • la documentazione, attraverso la costituzione e funzionamento di biblioteche specializzate;
  • la pubblicazione di riviste specializzate (Studi Emigrazione e Migrations et Société) e di collane di volumi sui vari aspetti dell’esperienza migratoria.

Per garantire una formazione professionale e specializzata dei suoi operatori religiosi e laici, la congregazione ha fondato a Roma lo Scalabrini International Migration Institute (SIMI). Il SIMI, istituto incorporato alla Pontificia Università Urbaniana, offre un master e un dottorato in Teologia Pastorale della mobilità umana e un diploma online sulla Pastorale della Mobilità Umana in quattro lingue; organizza conferenze e seminari su temi specifici relativi a migrazioni e rifugio; realizza ricerche in ambito teologico e filosofico.

Alla fine del 2014 l’istituto si è dotato di una biblioteca digitale con accesso online specializzata sulla teologia delle migrazioni. L’offerta formativa è aperta anche agli operatori delle Chiese locali e ad altre persone interessate. Il SIMI, infine, vanta collaborazioni istituzionali con università in Messico, Spagna, Russia e Argentina.

Dove siamo 

mappa

f f