basilea giornate missionarie 2017 1Le Giornate missionarie organizzate nei giorni 27-29 gennaio 2017 dal Consiglio parrocchiale della parrocchia di lingua italiana San Pio X di Basilea hanno prodotto l’effetto di un abbraccio globale. Esse hanno mobilitato oltre un migliaio di persone in una generosa azione di solidarietà e riscaldato altrettanti cuori.

Per Maratane

L’attenzione delle giornate si è concentrata su un minuscolo angolo di terra africana del lontano Mozambico. Però il contagio benefico della solidarietà si è diffuso sul mondo intero. Si è incrociato e aggiunto con la gioia e la speranza di chi crede nella solidarietà. Fidarsi della solidarietà è già un risultato immenso, quanto immensa è la forza dell’amore gratuito.

A Maratane, nella regione di Nampula in Mozambico, esiste uno dei tanti campi di rifugiati che cercano solidarietà. Conta circa 15mila profughi provenienti da vari paesi del centro Africa. Gli scalabriniani sono presenti per un sostegno spirituale e, soprattutto, di aiuto alla sopravvivenza.

basilea giornate missionarie 2017 4Una terra da scoprire

A raccontarci di come si vive e quali siano le necessità in questo campo profughi, che coltiva tanta sofferenza ma che profuma anche dei germogli della speranza, si sono susseguiti il professor Macamo, mozambicano, sociologo e docente presso l’Università di Basilea, padre Arcangelo Maira, che ha fatto conoscere al mondo scalabriniano la realtà di Maratane, padre Claudio Gnesotto e Lucia Funicelli, rispettivamente coordinatore e volontaria scalabriniana e collaboratrice della ASCS.

Il loro contributo è risultato determinante per permettere alla comunità parrocchiale di visualizzare i luoghi e, soprattutto, i volti ai quali è finalizzata l’azione di solidarietà del progetto missionario parrocchiale.

basilea giornate missionarie 2017 5Il programma dei tre giorni

La serata informativa del venerdì ha raccontato geografia, cause ed effetti del fenomeno profughi in Africa. La giornata del sabato, i bambini nella mattinata e i giovani nel pomeriggio, ha messo negli occhi e nel cuore dei più piccoli e dei giovani immagini, messaggi ed emozioni positivamente coinvolgenti.

Il sabato sera un numeroso pubblico di adulti, condividendo un piatto solidale, ha seguito con vivace interesse le informazioni sul progetto missionario parrocchiale 2016/17. Infine la domenica, durante le celebrazioni delle Ss. Messe, padre Claudio e Lucia hanno motivato la solidarietà a favore del Progetto Maratane.

Sale della terra

Il racconto delle Giornate missionarie però non finisce qui. Continua nel ricordo, nelle impressioni, nel coinvolgimento che i partecipanti hanno condiviso. Il racconto continua nel saper vedere oltre e agire con spirito di missionarietà, dando visibilità alla dedizione, celebrando comunitariamente l’impegno della carità. Sì, Maratane è solo un angolo di sofferto rifugio tra i tanti, troppi, che l’attualità elenca. Ci incoraggia, però, la consapevolezza che agire per alleviare anche una minuscola parte di povertà, contribuisce a riscaldare il mondo.

La conclusione è un grande grazie al Consiglio parrocchiale, al gruppo coordinatore, ai volontari del servizio, ai relatori e animatori, agli ospiti dall’Italia, a chi ha partecipato, a coloro che si sono mossi per un gesto di solidarietà, ai bambini, ragazzi e giovani che hanno fatto vedere il volto giovane della comunità, a tutti, per la testimonianza donata nelle Giornate Missionarie. «Voi siete il sale della terra. Voi siete la luce del mondo».

Padre Valerio Farronato, cs

 

f f
Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.