cape town sihma 2014I referenti dei Centri Scalabriniani di Studio Migratorio, con la presenza del SIMN e della Direzione Generale della Congregazione Scalabriniana nella persona di p. Gildo Baggio, segretario generale, si sono riuniti dal 1 dicembre a Città del Capo in sud Africa, per una due giorni di confronto sul lavoro scientifico che ogni area svolge e i progetti in comune da mettere in atto. L’incontro ha preceduto la prima conferenza sulla migrazione (ICMA – International Conference on Migration in Africa) che il neonato centro studi sudafricano, il SIHMA, ha organizzato il 3 dicembre presso l’Università del Western Cape di Città del Capo.

Se si considera che il primo dei centri ha già superato i primi cinquant’anni, seguito a ruota da quello di New York, Basilea, Parigi, San Paolo, Buenos Aires, Manila e Città del Capo, è chiaro che lo studio del fenomeno migratorio è un impegno ed un investimento notevole che la Congregazione ha operato nell’orizzonte di una cura integrale dell’umanità migrante. Aspetti pastorali, accanto a tematiche sociali e politiche, sono gli ambiti di ricerca ordinariamente sotto la lente di ingrandimento della ricerca dei centri, che in un paio di casi hanno potuto essere realizzati nelle medesime strutture che accolgono già migranti e rifugiati.

Riviste, stampate o nella forma digitale, sono il frutto di eccellenza prodotto da ogni area geografica, riconosciuto tra i più qualificati da varie università in giro per il mondo. Accanto a questo la sfida maggiore è il lavoro in rete già iniziato e che questo incontro ha lo scopo di fortificare attraverso l’adesione dei partecipanti a progetti comuni. In questo senso gioca un ruolo di coordinamento il SIMN, network scalabriniano che agisce in favore dei migranti nel quadro della società civile. Questo strumento è chiamato a creare una mappa dei progetti di congregazione e sostenere ogni area, se richiesto, nella elaborazione stessa dei progetti, anche a lungo termine, secondo strategie modulate caso per caso, individuando anche i potenziali donatori che li sostengano.

«Fare dell’emigrazione una opportunità» è stato uno dei lemmi comuni lanciati durante l’incontro, intendendo con esso il contributo positivo che la mobilità umana è in grado di realizzare per edificare una società moderna anche secondo il piano di Dio, come si esprimeva il beato Giovanni Battista Scalabrini.

(...)

Per leggere l'articolo in versione integrale abbonati all'Emigrato.

f f
Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.